Hotel Di Charme, Hotel Montepulciano, Hotel Centro Benessere Toscana

toscana valley khao yai hotel ”. Il memoir attraverso gli abiti di Jane Sautierre dà la sensazione di frugare nella vita della scrittrice francese ma soprattutto nella nostra. A poco a poco, a causa delle carestie e della guerra il villaggio si svuota e rimangono solo gli anziani: “Qualcuno ha voluto che così fosse e così è. Per i più piccoli o nelle giornate di mare mosso potrete fare il bagno nelle piscine della struttura collocate nel centro del villaggio. Questo villaggio è gestito dalla compagnia Nicolaus presente in tutta la Puglia con diverse formule. Già dalle prime parole delle storie di Mariana Enriquez sentiamo subito di trovarci di fronte a una scrittrice dalla voce autentica e coinvolgente. Distanza dalle terme : 100 metri. E il romanzo di Narine Abgarjan ci restituisce la mentalità e la cultura del popolo armeno con una storia dalle tante modulazioni di sentimento dal dramma all’ironia, dalla gioia alla morte. Dove Mathilde Mattel, la responsabile delle risorse umane, all’inizio, viste le sue competenze, non vuole neppure assumerlo ma poi si lascia convincere dalla determinazione e dalla sofferenza che trapelano dagli occhi del giovane uomo. E che dire poi del“Pacchetto Attività Fisica”, il miglior abbinamento possibile, arricchito da pasti detox, tisane e percorso Thermarium alla Spa.

Hotel Saturnia Toscana

hotel il salviatino florence toscana italy Toscana se la destinazione è l’Hotel Marinetta, Hotel con Spa sulla Costa degli Etruschi a Marina di Bibbona! Hotel Miralaghi: Ammessi gratuitamente animali di piccola taglia. Accogliamo i piccoli animali tanto da avere un’apposita area verde “ANIMAL FRIENDLY” (il nostro parco privato). Come tutti i lettori credo, ma questo non mi giustifica, riconosco di avere i miei pregiudizi e le mie idiosincrasie. E devo sempre ringraziare Rizzoli che non ha mai smesso di tradurlo e farlo conoscere ai giovani lettori italiani. Un romanzo a più voci che è una sorta di catalogo sofferto e variegato di figure paterne: con RAGAZZI D’ORO la scrittrice australiana Sonya Hartnett scrive un libro potente, lirico, con una scrittura vivida e lessicalmente ricca. È difficile in VENIVA DA MARIUPOL scindere la testimonianza storica e il lavoro letterario, ma forse è proprio in questa commistione inscindibie che sta il valore dell’opera della scrittrice tedesca. Perché non ci sono confini definiti e i personaggi sono prevedibili e imprevedibili insieme proprio come tutti noi.

  • Posizione: tra Livorno e Follonica
  • 2 adulto adulti adulti 0 bambino bambini bambini 1 Camere Camere Camere
  • Strada Provinciale 161, n °40
  • 56128 – Tirrenia – Pisa
  • Botiglia d´acqua di benvenuto

Antoine oltretutto si trova a vigilare nelle sale in cui è allestita proprio una mostra sull’amato Modigliani. Nelle Cinque Terre, tanto note anche per il parco nazionale omonimo, c’è l’Hotel Stella della Marina, a Monterosso, a Santa Margherita Ligure invece, l’Hotel Villa Anita, a Rapallo, ed è solo un esempio, l’Hotel Astoria. La donna le trova sulle panchine più nascoste, nelle stazioni di seconda mano e negli alberghi che contano le ore. “ Castello dell’epoca medicea situato sulle belle colline del Chianti fiorentino in mezzo a vigneti e uliveti. Prenota le tue vacanze charme in Toscana all’elegante e raffinato Castello del Trebbio, tra le colline di Firenze. Assapora le specialità gastronomiche della nostra cucina capace di sposare prodotti sani e genuini della nostra Fattoria in Toscana. Ogni unità abitativa del Canado Club ha a disposizione, inclusi nel prezzo, un ombrellone e due lettini sulla nostra spiaggia di sabbia fine e dorata.

Che è quello che accade a Paul, diciannove anni, che inizia, grazie al fortuito incontro al circolo del tennis, una scandalosa relazione con Susan, quarantenne sposata e madre di due figlie coetanee di Paul. Perché lo scrittore inglese non è solo uno dei massimi autori contemporanei ma sa giocare intelligentemente con il lettore, coinvolgendolo, grazie alla scrittura efficace e mai banale, totalmente nella storia. Perché il graphic pubblicato da Cocononino Press racconta di un mondo non troppo futuro dove si può essere fisicamente ovunque grazie all’invenzione della tuta ScOut. E soprattutto è la dimostrazione di cosa significa essere uno scrittore. Ora ci somigliamo meno nei tratti, ma è lo stesso il senso che troviamo in questo essere gettate nel mondo. L’Hotel Prategiano offre vacanze a cavallo nel cuore della Maremma Toscana da più di quaranta anni. L’Hotel Posta, nel cuore delle colline toscane, in posizione panoramica, immerso nel verde dello splendido parco. L’Hotel Fabricia sorge in un vecchio oliveto, in una zona protetta, sul mare.

“Pur trovandosi in un valico tra due montagne sulla linea di confine, la città in cui sono cresciuto si estende in una zona pianeggiante, quindi tutti si muovono in bicicletta. No, ti sbagli, il sentimento e la lingua non sono due cose diverse, noi ci siamo voluti bene in quella lingua e adesso tutte le cose affettuose e le parole belle che ci siamo detti sono scomparse”. Prima quello di Annibale, giovane dottorando di etnolinguistica, che seguendo l’ossessione del suo professore lascia le natie Marche per la pampa argentina per strappare un dialogo in ‘günün a küna’ agli unici discendenti degli indios che ancora parlano quella lingua. Antoine Duris, infatti, stimato professore di storia dell’arte, specializzato nello studio di Modigliani, abbandona improvvisamente la sua cattedra universitaria, gli amici e la sorella con una futile scusa. Gli altri marchi commerciali appartengono ai rispettivi proprietari. Nell’universo BABYLAND ogni bambino e ragazzo troverà il gioco e gli stimoli adatti alla sua età ed ai suoi desideri.

Approfondisci

Meeting antirazzista, venerdì 30 alle 12 la presentazione

FIRENZE – Avrà luogo venerdì 30 agosto la conferenza stampa di presentazione del Meeting Internazionale Antirazzista che si terrà dal 4 al 7 settembre al parco della Cecinella a Cecina Mare (LI). L’appuntamento è alle ore 12 presso la sala stampa Maria Grazia Cutuli di Palazzo Strozzi Sacrati in piazza Duomo 10 a Firenze.

Interverranno alla conferenza stampa Vittorio Bugli, assessore alla presidenza e all’immigrazione della Regione Toscana; Gianluca Mengozzi, presidente ARCI Toscana; Simone Ferretti, responsabile Immigrazione ARCI Toscana. Sarà presente anche Maso Notarianni, giornalista e volontario di Mediterranea Saving Humans.

Il Meeting è promosso dall’Arci, con il patrocinio e il contributo della Regione Toscana, del Comune di Cecina e del Cesvot, e anche quest’anno offre occasioni di formazione, eventi, concerti, mercatino antirazzista e approfondimenti con esperti, studiosi e amministratori locali, sui temi delle migrazioni, dell’antirazzismo, dell’emergenza climatica, dei conflitti dimenticati, dell’antifascismo e della solidarietà.

Archivio notizie

Approfondisci

‘Un’altra estate’ 2019, penultima tappa alla scoperta di Bibbona (LI)

FIRENZE – Volge al termine l’edizione 2019 di ‘Un’altra estate’. Giovedì prossimo, 29 agosto, la penultima tappa del viaggio alla scoperta dei borghi della Toscana toccherà Bibbona. La rassegna è realizzata da Regione Toscana, con il supporto di Toscana Promozione Turistica e la collaborazione di Fondazione Sistema Toscana, Il Tirreno, Vetrina Toscana, FEISCT, per valorizzare la destinazione turistica toscana e i prodotti enogastronomici locali lungo la costa.

La sesta tappa, sulla Costa degli Etruschi, nel borgo di Bibbona, avrà come accompagnatore della consueta visita che precede l’evento un giovane Leonardo Da Vinci. Appuntamento alle ore 18 davanti alla Chiesa di S.Maria della Pietà, luogo particolarmente significativo per Leonardo, per un vero e proprio viaggio nel tempo: prima per ammirare le fonti e l’arco di Bacco, in piena epoca medievale, e successivamente, proseguendo a ritroso nei secoli, con la visita di un ipogeo etrusco di recente recuperato.

La passeggiata si concluderà in Piazza della Vittoria, nel cuore del borgo, dove inizierà l’evento con i saluti istituzionali (tra questi anche quello del presidente della commissione sviluppo economico del consiglio regionale Gianni Anselmi) e la consegna all’amministrazione comunale, da parte de Il Tirreno, di una maxifoto realizzata appositamente per l’occasione. La giornalista Irene Arquint condurrà le interviste agli chef che racconteranno in diretta i segreti e le curiosità dei piatti preparati per l’occasione: zuppa etrusca, bibbonata, polpo brasato al bibo con patata mantecata all’olio, Burger di bollito, maionese di zucchine e cipolla caramellata. Un racconto di tradizioni, di consuetudini tramandate di generazione in generazione e di prodotti rinomati nel mondo grazie al lavoro di tanti produttori locali, impegnati quotidianamente nella ricerca della qualità e dell’eccellenza. Al termine delle interviste saranno offerti ai partecipanti dei piccoli assaggi.

Il viaggio di Un’Altra Estate attraverso i borghi della costa toscana si concluderà giovedi 5 settembre a Marina di Campo, nell’isola d’Elba.

Archivio notizie

Approfondisci

Tartarughe marine, le prime uova schiuse stamattina a Rimigliano

FIRENZE – In uno dei quattro siti toscani che accolgono nidi di tartaruga marina hanno cominciato a schiudersi le prime uova. E’ avvenuto oggi, nelle prime ore del mattino, sulla spiaggia di Rimigliano, nel Comune di San Vincenzo (Li).

“La zona intorno al nido – ha commentato l’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni – era stata recintata e messa sotto tutela e sorveglianza grazie anche all’opera di tanti volontari che la Regione, con i suoi tecnici, ha provveduto a formare con incontri che si sono tenuti nel corso dell’estate. Vorrei condividere l’emozione per questa prima schiusa con tutti i soggetti coinvolti: rete dell’Osservatorio Toscano per la Biodiversità, Arpat, tutti i soggetti istituzionali costieri, i Parchi, la Direzione Marittima, le Università, insieme agli operatori delle spiagge, le associazioni ambientali, le associazioni di categoria, i volontari, i Diving, e ovviamente i turisti”.

“La schiusa – ha aggiunto l’assessore – per ora ha interessato circa una quarantina di uova e andrà avanti ancora, almeno nei prossimi 2-3 giorni. Come sappiamo ci sono altri tre siti in Toscana, Marina di Cecina, Marina di Grosseto e Castiglione della Pescaia, scelti dalle tartarughe per nidificare”. 

Archivio notizie

Approfondisci

Eccidio di Fivizzano, Rossi: “Rimettere al centro dignità e diritti della persona”

FIRENZE – Un incontro di particolare rilievo, quello di oggi a Fivizzano. Un incontro reso ancora più importante dalla presenza congiunta del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del Presidente della Repubblica federale tedesca Frank-Walter Steinmeier, proprio per rinnovare la memoria degli eccidi nazifascisti che sono avvenuti non solo nel territorio toscano, ma anche italiano ed europeo. Anche il presidente della Regione Enrico Rossi è intervenuto oggi a Fivizzano, in occasione del 75esimo anniversario delle stragi che insanguinarono il territorio nel ‘44, per rendere omaggio alle circa 400 persone che persero la vita.

“Il nostro dovere – ha aggiunto Rossi durante il suo intervento – è quello di trarre da questa commemorazione un monito sulla necessità di difendere e promuovere la pace, la convivenza e il rispetto tra i popoli. L’insieme delle stragi nazifasciste avvenute nel Comune di Fivizzano rappresenta uno degli episodi più tragici e rilevanti consumati sul territorio toscano nel 1944. Furono oltre 400 le vittime civili degli eccidi che avvennero da maggio a settembre 1944 nei paesi qui vicini. Solo a Vinca morirono 174 persone. Dal 24 al 27 agosto, per ben quattro giorni consecutivi, si verificarono ogni genere di crudeltà, sevizie, saccheggi e torture. Stragi compiute con razionalità meccanica, con azioni indiscriminate nei confronti di civili, inermi e innocenti, non tanto in rappresaglia alle iniziative partigiane”. Un’efferatezza, come ha sottolineato, Rossi “che non risparmiò donne e bambini, veri e propri crimini di guerra. E il modo che abbiamo per onorare coloro che furono barbaramente sterminati, per rendere loro giustizia, è mantenere viva la memoria. Una memoria sulla quale si è costruita una civiltà europea che vuole rendere impossibile il ripetersi di quanto qui è avvenuto e purtroppo avviene in tante altre parti del mondo. ‘Mai più!’ è stato l’imperativo dei padri fondatori dell’Europa, mai più guerre scatenate dal nazionalismo. Questa è stata la base della costruzione dell’architettura europea”.

“La Germania – ha detto ancora Rossi – ha svolto un lungo e doloroso percorso di riflessione sul proprio passato, con grande puntualità e capacità di andare a fondo, che può essere di esempio. Anche l’Italia deve continuare a coltivare con costanza la memoria e contrastare le tendenze che vorrebbero abolirla, allontanarla, considerarla cosa non attuale. Occorre infatti operare affinchè le spinte disgregatrici, che in Europa e nel mondo vediamo all’opera, non arrivino a mettere in discussione la pace, l’umanità, lo stato di diritto. Dobbiamo difendere una forma di convivenza fondata sulla tutela e sul rispetto della persona umana. Su questi temi l’attenzione del Presidente Mattarella è stata costante e preziosa e di questo voglio ringraziarlo.”.

Infine, dopo aver sottolineato la capacità dell’Europa di sapersi rialzare (“in questi 7 decenni di pace, pur nelle contraddizioni, nei problemi, nelle ingiustizie mai risolte una volta per tutte, grandi masse di persone sono riuscite ad emanciparsi, a migliorare le proprie condizioni di vita, a raggiungere certi livelli di benessere, ad affermare la propria dignità e a vedere affermati i propri diritti.”), Rossi mette in guardia sui rischi della messa in discussione di diritti faticosamente conquistati (“dovremo stare attenti a chi ha giudizi liquidatori su questi fatti. Guai a noi se gettassimo via l’acqua sporca insieme al bambino, un tragico errore che non possiamo permetterci. La storia del fascismo e del nazismo ci insegna che una società, sopratutto in fasi di crisi sociale, non è mai al riparo da possibili degenerazioni, che non può mai escludere che le conquiste in termini di diritti, civiltà, garanzie costituzionali e tutele sociali, possano essere messe in discussione e possa esserci un ritorno indietro, seppur in forme diverse, ma con lo stesso segno, con lo stesso particolare significato che qui abbiamo sperimentato attraverso la distruzione della persona e della sua dignità. Il contesto attuale in Europa e nel mondo deve renderci avvertiti e vigili. In diversi paesi le garanzie dello stato di diritto sono indebolite o addirittura messe in discussione, organizzazioni politiche di chiara matrice neofascista guadagnano spazio e consenso. Come non ricordare proprio a Vinca, in occasione delle celebrazione di due anni fa con l’esposizione di una bandiera della Repubblica di Salò?”).

Quindi la conclusione, ricorrendo ai valori della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. “Venne adottata nel 1948 – ha spiegato Rossi – in un Europa distrutta dalla guerra e ferita dal punto di vista materiale e morale. Il suo inizio è l’affermazione dell’uguaglianza di tutti gli essere umani. Attenzione: oggi sembra che questo valore di base, per una buona convivenza tra gli uomini, sia messo sullo sfondo, indietro rispetto all’egoismo e alla tutela personale, di gruppo, di etnia, di famiglia, di nazione. E’ un errore gravissimo, perché irridere, contestare o rinnegare il valore dell’uguaglianza significa mettere in discussione principi democratici e conquiste che in questi decenni siamo stati in grado di realizzare. Noi qui oggi, come esortava a fare Calamandrei, siamo ritornati a quelle radici, ai principi della nostra Repubblica e della nostra Europa. Il mio auspicio e il mio augurio è che da questo possiamo trarre un rinnovato slancio e una più forte energia che ci sorregga nello sforzo di difendere e rafforzare i principi del nostro vivere comune e della nostra comune civiltà europea”.

Archivio notizie

Approfondisci

Disabilità gravissime, in quattro anni dalla Regione quasi 50 milioni

FIRENZE – Dal 2016 ad oggi la Regione ha destinato quasi 36 milioni di euro alle persone con disabilità gravissime e ulteriori 12,5 milioni sono in arrivo in autunno per le Asl e le Società della Salute.

Ad Asl e SdS il compito di valutare, attraverso le proprie Unità di Valutazione Multidisciplinari per la Disabilità (UVMD), le condizioni di disabilità gravissima, secondo i parametri stabiliti dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, e predisporre il progetto di vita, all’interno del quale è possibile prevedere l’erogazione di un contributo che va da 700 a 1.000 euro, per attivare un contratto con un assistente personale e sostenere dunque la permanenza al proprio domicilio della persona con disabilità gravissima. Il cittadino con disabilità può rivolgersi ai servizi per richiedere la valutazione delle sue condizioni di bisogno, secondo un percorso già definito e presente da tempo sul nostro territorio.

“L’obiettivo – chiarisce l’assessore al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi – è quello di evitare, o in qualche caso differire, l’istituzionalizzazione, e rafforzare l’assistenza di queste persone presso il proprio domicilio, nell’ottica di un miglioramento della qualità della vita. Le persone con disabilità, anche gravissima, se supportate adeguatamente, stanno sicuramente meglio a casa propria che in istituto. Il contributo non è sostitutivo, ma aggiuntivo e complementare alle prestazioni domiciliari svolte da personale sanitario”.

Da sottolineare che il Ministero definisce “persone con disabilità gravissima” ai fini dell’accesso a queste risorse, le persone in condizione di coma o stato vegetativo, oppure dipendenti da ventilazione meccanica assistita o non invasiva continuativa nelle 24 ore, persone con grave o gravissimo stato di demenza, persone con lesioni spinali gravi o con gravissima compromissione motoria da patologia neurologica o muscolare, persone sorde e cieche, persone con autismo grave, con ritardo mentale grave o comunque in condizione di dipendenza vitale che necessitano  di assistenza continuativa e monitoraggio nelle 24 ore, sette giorni su sette, per bisogni complessi derivanti dalle gravi condizioni psicofisiche. La giunta regionale ha ampliato la possibile platea dei beneficiari anche ai minori per i quali uno dei genitori si assume l’onere della cura.

Le risorse sono quelle del Fondo per le Non Autosufficienze assegnato annualmente alle Regioni dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Il decreto ministeriale stabilisce che non meno del 50% di queste debba essere destinato a interventi a favore di persone in condizione di disabilità gravissima, tra le quali le persone affette da Sla (Sclerosi laterale amiotrofica). Regione Toscana ha scelto di dedicare interamente queste risorse al rafforzamento dell’assistenza domiciliare.

Dal monitoraggio degli uffici regionali risulta che nel primo semestre 2019 sono quasi 1.400 i beneficiari di questo contributo su tutto il territorio regionale. Si tratta di un dato in costante crescita, che registra un incremento di 200 persone rispetto al dato di dicembre 2018. Per avere un quadro più chiaro dell’impegno regionale sui percorsi di sostegno alla domiciliarità, a questa tipologia di contributi occorre aggiungere gli interventi a favore delle persone con Sla e le risorse regionali messe in campo per favorire la vita indipendente.

Nel primo caso si tratta di circa 250 persone affette da Sla, che ricevono un contributo (1.650 euro mensili) per sostenere le spese di un caregiver familiare che consente la permanenza al proprio domicilio, nei casi in cui questa può essere assicurata senza compromettere la sicurezza del paziente, quando la malattia è nella sua fase avanzata. A valere sul medesimo Fondo nazionale per le Non Autosufficienze, ogni anno la giunta regionale destina circa 3,5 milioni di euro per le persone con Sla.

Nel secondo caso si tratta di 9 milioni di euro che annualmente la giunta regionale destina a più di 800 persone con disabilità grave (da 800 a 1.800 euro mensili), che propongono ai servizi territoriali un proprio progetto di vita indipendente per la realizzazione di percorsi scolastici, lavorativi, di sostegno alla genitorialità o per il tempo libero, lo sport e l’inclusione sociale.

In tutti i casi il cittadino deve rivolgersi ai servizi e chiedere che sia valutata la sua condizione di salute e la sua capacità di autonomia possibile, anche attraverso il supporto di un assistente personale.

Archivio notizie

Approfondisci

Piano cave, pubblicato sul BURT avviso di adozione. Ceccarelli: “Approvazione entro fine anno”

FIRENZE – E’ stato pubblicato ieri sul BURT l’avviso di adozione del Piano Cave, dopo la delibera di adozione da parte del Consiglio regionale dello scorso 31 luglio. Il testo è consultabile sulle pagine dedicate nel sito regionale.

Dalla pubblicazione decorrono i 60 giorni per la presentazione delle osservazioni. “Un altro passo avanti – ha commentato l’assessore regionale al territorio Vincenzo Ceccarelli – verso la definitiva approvazione, che confidiamo possa avvenire entro la fine dell’anno”.

Archivio notizie

Approfondisci

Scomparsa Maggiani Chelli, il cordoglio del presidente Rossi e dell’assessore Bugli

FIRENZE – “Ho appreso con dolore della morte di Giovanna Maggiani Chelli e rivolgo alla famiglia e a tutte le persone che con lei hanno condiviso il lavoro dell’ Associazione, le mie profonde e sincere condoglianze”. Si apre così il telegramma che il presidente della Regione Enrico Rossi ha mandato oggi alla famiglia di Giovanna Maggiani Chelli. “Con la sua scomparsa – continua Rossi – perdiamo una donna che, con coraggio e tenacia, ha contribuito a tenere viva la memoria e la lotta contro le mafie. Ricordo con commozione il suo forte impegno civile e morale, nonché la stretta collaborazione con la Regione Toscana, per l’affermazione dei valori della legalità e l’organizzazione delle annuali celebrazioni in ricordo delle vittime della strage”. “La sua scomparsa – conclude Rossi – lascia un vuoto che sarà difficile colmare, ma ho la certezza che l’esempio, l’impegno e il lavoro di Giovanna saranno raccolti e proseguiranno con ancora maggiore impegno”.

Si unisce al cordoglio anche l’assessore regionale alla legalità Vittorio Bugli. “Giovanna Maggiani Chelli ha dedicato 26 anni della sua vita a tenere viva la memoria delle vittime della strage di via dei Georgofili. Si è battuta con tenacia per chiedere verità e giustizia e lo ha fatto con umanità e grande passione civile. E’ stata un punto di riferimento e uno sprone instancabile per l’azione delle Istituzioni e della Regione. Nel nostro Centro di documentazione Cultura della Legalità Democratica, nato proprio in seguito alla stagione delle stragi mafiose del ‘93, oggi è conservata parte della documentazione processuale sull’attentato di Firenze oltre agli atti delle inchieste parlamentari, con lo scopo di testimoniare quella triste pagina della storia del nostro Paese”. “Solo alcuni mesi fa – ha aggiunto Bugli – Giovanna ha voluto donare al Centro la documentazione raccolta dall’Associazione nel corso dei processi sulla strage. Un gesto per noi molto importante ma che, a maggior ragione visto oggi, ha forse voluto fare per dirci di andare avanti nella ricerca della verità completa su quanto avvenne in quegli anni e che colpì tremendamente le vittime, le loro famiglie e tutta Firenze con la strage di Via dei Georgofili. Anche per questo la Regione ha sempre sostenuto la giornata commemorativa della strage e delle sue vittime, combattendo a fianco di questa donna coraggiosa. E così continueremo a fare come continueremo a portare avanti le iniziative per la legalità con ancora maggiore determinazione”.

Archivio notizie

Approfondisci

La Regione al Comune di Prato: madre e figlio possono rimanere nell’alloggio Erp

FIRENZE – La Regione non ha dubbi e risponde al quesito posto dal Comune di Prato in modo chiaro: la signora Rossana Stella e suo figlio possono rimanere nell’alloggio Erp a loro assegnato perché la legge regionale prevede la possibilità che il Comune sospenda l’esecuzione della decadenza, con provvedimento motivato.

Gli uffici regionali competenti, chiudono la questione con una lettera che oggi stesso è stata fatta pervenire al Comune di Prato, in relazione alla questione sulla eventuale decadenza dei diritti acquisiti dalla cittadina, in quanto proprietaria di un  un camper, acquistato nel 2015, con potenza superiore a 80 kw con il quale poter fare brevi vacanze con il figlio affetto da autismo.

Ecco il testo integrale della lettera inviata dalla Regione:

In merito alla problematica posta con vs. nota del 12.8.2019, relativamente alla applicazione dei meccanismi di decadenza dall’assegnazione di alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica in presenza di una o più evenienze fra quelle previste all’art. 38 comma 3 della Legge regionale in oggetto, in attesa di emanare una circolare esplicativa approvata dagli organi competenti, si precisa quanto segue: la Legge regionale in oggetto, allo stesso articolo 38, oltre ad elencare (comma 3) le casistiche che portano alla decadenza dall’assegnazione, prevede (comma 5) che il comune, avviato obbligatoriamente il procedimento di decadenza e trascorso il termine per la presentazione di controdeduzioni da parte del nucleo assegnatario, concluda il procedimento stesso con la definitiva decadenza dall’assegnazione ovvero, pur in presenza di una o più delle casistiche previste al comma 3, con una motivata conferma dell’assegnazione stessa, temporanea o a tempo indeterminato.

Come più volte esplicitato nei numerosi incontri nei territori con le amministrazioni locali svolti nell’iter di formazione della proposta di legge, questa particolare facoltà da parte dei comuni permette, pur fissando delle regole generali, di valutare i singoli casi nelle loro specificità e particolarità, purché in piena trasparenza ed esplicitando le dovute motivazioni.

Tale facoltà, applicata al caso specifico del comune di Prato che ha provocato la formulazione del quesito, può portare alla decisione di non procedere alla definitiva decadenza dell’assegnatario per il venir meno del requisito previsto alla lettera e3 punto 2 Allegato A alla Legge regionale (automezzo acquistato negli ultimi 5 anni con potenza superiore a 80 kw) sia decidendo di non applicare la norma specifica per gli automezzi acquistati prima dell’entrata in vigore della legge regionale stessa, sia per la valutazione della particolarità del caso e delle implicazioni socio sanitarie che lo stesso comporta.

Archivio notizie

Approfondisci

Piano integrato culturale: Regione ed Anci a sostegno di Rapolano e San Sepolcro

FIRENZE – Sono i Comuni di Rapolano Terme nel senese, e di San Sepolcro nell’aretino, i destinatari di un progetto sperimentale di sostegno all’elaborazione di piani strategici capaci di fare perno sulla cultura, al centro di un accordo tra Regione ed Anci Toscana (ovvero l’associazione dei comuni) su cui la giunta ha dato il via libera.

“L’obiettivo è sperimentare un nuovo modo di pensare alla cultura nei territori e a realizzare interventi che aiutino la partecipazione culturale, facendo vivere i luoghi della cultura, vecchi o nuovi che siano, specialmente in aree interne o marginali” spiega la vice presidente ed assessore alla cultura della Toscana, Monica Barni. “E’ una modalità ‘nuova’, che supera la sporadicità, la settorialità  e la disattenzione alla sostenibilità economica che troppo spesso hanno caratterizzato gli interventi in cultura e li hanno resi fragili. Gli enti locali con Regione e Anci si impegnano invece a progettare l’ intervento culturale territoriale in chiave sistemica, integrata e sostenibile con il coinvolgimento attivo degli attori pubblici e privati.  E i Comuni di Rapolano Terme e San Sepolcro sono pronti a ripensare in questa chiave i loro territori, attraverso progetti di valorizzazione integrata e con ricadute sociale ed economiche, che promuovano l’innovazione, anche tecnologica, nelle forme di accesso alla cultura – prosegue Barni – o il recupero e la rigenerazione di luoghi ed aree a forte valenza culturale”.

L’esperienza insegna che le piccole amministrazioni comunali, dove le energie non mancano, spesso hanno difficoltà sulla progettazione. L’accordo sperimentale per Rapolano e San Sepolcro fatto con Anci (e finanziato dalla Regione con 60 mila euro a fronte di una spesa di 75 mila) vuole superare questo punto debole attraverso un nuovo modello di intervento che sarà testato per l’occasione.

Sul progetto sono intervenuti anche l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli e Alessandro Starnini, Sindaco di Rapolano Terme. Per Ceccarelli “L’attenzione della Regione nei confronti dei territori, anche periferici geograficamente, è massima. In questo caso siamo nel campo dell’innovazione culturale. Ringrazio la collega di giunta Monica Barni e auspico che le associazioni culturali e le amministrazioni comunali sappiano cogliere appieno l’opportunità data dalla Regione”. Starnini ringrazia “sentitamente la vice presidente Barni per lo spirito innovatore e il coraggio che la porta a progettare il futuro della comunità a partire dalla cultura. Un nuovo modello di governo che fa della cultura la leva fondamentale in tutti i suoi aspetti. Cominciamo subito a lavorare coinvolgendo tutte le energie della nostra comunità”.

Archivio notizie

Approfondisci